X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

arch.atlas

Fondazione Architettura Alto Adige

Ristrutturazione Banca Popolare Alto Adige Bressanone

Palazzo per uffici

Anno di costruzione

Realizzazione 2008

Zona

Val Isarco

BRESSANONE

Tipologia

Ristrutturazione

CasaClima Standard - nessuna indicazione

Architetto/Partner

Studio weber+winterle architetti

 Lorenzo Weber

Arch. Winterle Alberto

Arch. Donazzolo Luca

Il progetto, risultato vincitore del concorso indetto dalla banca Popolare dell’Alto Adige, ha come obiettivo la riorganizzazione integrale di un importante edificio del centro storico, dovendone però conservare l’involucro esterno. L’intervento, concluso a poco più di due anni dalla consegna degli elaborati concorsuali, si concentra sulla ridefinizione spaziale dei volumi pieni e vuoti che caratterizzano in sequenza gli interni degli edifici gotici della città di Bressanone. Il particolare carattere urbano dell’edificio è definito dalla presenza di un doppio accesso posto però su due quote diverse, con un dislivello pari a 1,40 m. Il progetto prevede la realizzazione di un percorso inclinato continuo determinato da una serie di rampe che, senza barriere architettoniche, attraversa l’edificio. Si evidenzia in questo modo l’importante ruolo di unione, anche simbolico della banca, nel collegare due parti di città attraverso un percorso chiaro e facilmente accessibile. L’asse principale assume un ruolo generatore dell’intero progetto di riorganizzazione degli spazi interni. L’ampiezza delle rampe permette di creare una sequenza di spazi che, oltre alla loro funzione di luoghi di accesso e di passaggio, assumono allo stesso tempo anche il ruolo di luoghi di sosta e di incontro senza intralciare le normali funzioni della banca. Questa “agorà lineare” è illuminata dai due grandi lucernari centrali, a doppia altezza, che attraverso la luce naturale sottolineano il carattere urbano di questi spazi. Il materiale lapideo utilizzato per la pavimentazione della rampa caratterizza anche le facciate interne che seguendo i fori dei lucernari segnano una continuità fisica tra i vari piani dell’edificio.

Pubblicato: Architektur in Südtirol 2008 Turrisbabel n.77 _ 2008

più progetti
www.teamblau.com