X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

arch.atlas

Fondazione Architettura Alto Adige

Riqualificazione Piazza Magnago a Bolzano

Progettazione di esterni

Anno di costruzione

Realizzazione 2018

Zona

Bolzano-Laives

BOLZANO

Tipologia

Ristrutturazione

CasaClima Standard - nessuna indicazione

Pubblico

Committente Provincia Autonoma di Bolzano Rip. 11.1.

Architetto/Partner

Arch. FIERRO STANISLAO

Pubblicazioni

112_Architekturpreis_Suedtirol 2019

Premio di Architettura

2019 Vincitore Öffentlicher Raum und Infrastrukturen_Spazi aperti e infrastrutture, Publikumspreis_Premio pubblico

Nella trama della città, Piazza Silvius Magnago si presenta coma uno «Spazio chiuso» nel senso più classico del termine. La chiusura della piazza è ottenuta in gran parte solamente da tre edifici. Il quarto lato è caratterizzato da un autentico muro naturale. Questa particolare situazione riesce a mettere in atto una relazione di grande interesse: alla fissità dei tre lati costruiti si contrappone la ciclica mutevolezza del quarto lato naturale. L’idea si fonda sulla convinzione che la piazza abbia già in se enormi potenzialità e che serva un gesto semplice ed al contempo forte, dando soluzioni a tutte le necessità tecniche ed urbanistiche. La tecnica compositiva dei «piccoli spostamenti» ha guidato tutti i passaggi progettuali. Le decisioni fondamentali sono state: × spostare dalla zona centrale la Fontana del Re Laurino; × sostituire i numerosi materiali esistenti con uno solo, capace di dare risposta per tutta la piazza; × posizionare, panchine; fontane; dissuasori; in modo tale da chiarire l’accessibilità alla piazza individuando, al contempo, le zone di sosta; × posizionare all’interno della piazza 3 nuovi elementi verticali in pietra monolitica; × riprogettare i nuovi parapetti e le due rampe di accesso al palazzo del Consiglio Provinciale. Questi elementi danno una scala umana all’intervento, e sono di grande utilità compositiva. Posizionati adeguatamente, creano rimandi visivi, ed aiutano a tenere unita la complessità e l’ampiezza dell’intervento. I tre elementi in pietra provengono dalle tre aree geologiche altoatesine (Penninico, Austroalpino, Sudalpino), quindi Marmo di Covelano; Serpentinite di Fundres; Porfido rosso di Terlano. Le panche sono state costruite usando il basalto dell’Alpe di Siusi. Per la pavimentazione, si è usata una miscela bituminosa successivamente sigillata con malta cementizia, a fasce parallele bicromatiche. La superficie è stata successivamente levigata affinchè gli inerti, porfidi e graniti locali, potessero conferire il proprio carattere di »architettura del suolo».

Pubblicato: Turris Babel 112

più progetti
www.teamblau.com