X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

arch.atlas

Fondazione Architettura Alto Adige

Centrale Idroelettrica Carlo Cicogna

Industria, commercio

Anno di costruzione

Realizzazione 1929

Zona

Bolzano e dintorni

CORNEDO

Tipologia

Nuova costruzione

CasaClima Standard - nessuna indicazione

Privato

Committente Società Idroelettrica dell'Isarco

Architetto/Partner

Arch. Eugenio Mollino

Pubblicazioni

Südtiroler Architekturführer 1993
Progetto inserito dalla Fondazione Architettura Alto Adige

Le centrali elettriche costituivano una parte rilevante degli ambiziosi programmi di politica economica fascista e rappresentavano un prezioso strumento di propaganda “dell'italianità” in Alto Adige. La centrale di Cardano fu inaugurata nel 1926 alla presenza del duce come la più grande e moderna centrale elettrica d'Europa. Le sue turbine sono alimentate dalle acque dell'Isarco riforniscono di energia elettrica gli impianti industriali in Lombardia e in Piemonte. L'enorme sala macchine 100 × 16 m e rischiarata da una serie di grandi aperture scandite ritmicamente da lesene di intonaco bianco e grigio, poste su un basamento di marmo bianco. Le tre casette per gli impianti ammesse alla centrale completano l'intervento.

più progetti
www.teamblau.com