X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.

arch.atlas

Fondazione Architettura Alto Adige

Casa H Falzes

Casa unifamiliare

Edilizia abitativa

Anno di costruzione

Realizzazione 2007

Zona

Val Pusteria

FALZES

Tipologia

Nuova costruzione

Standard CasaClima A

Architetto/Partner

Studio archilab

 Hannes Ladstätter

 Sarah Gasparotto

 Stefan Taschler

Pubblicazioni

Südtiroler Architekturführer 2013

Luogo e committenti hanno rappresentato, per lo sviluppo del progetto, vin-coli, stimoli ed opportunità di grande interesse. L’ edificio si inserisce in una zona agricola a tutela ambientale, su di un pen-dio scosceso esposto a sud e con vista aperta a 180°. Le richieste dei com-mittenti puntavano ad ottenere un edificio con metrature generose e spazi fluidi che si aprissero verso l’ esterno, attraverso un sistema di ampie, vetra-te scorrevoli e terrazze vivibili. Il contesto poi imponeva un’ architettura in-tegrata di grande rispetto, che sapesse dialogare con le costruzioni rurali circostanti attraverso una rilettura in chiave contemporanea della tipologia del maso. Il risultato, dopo due anni di studi, è stato quello di un’ edificio che si com-pone di più corpi incastrati tra loro e sfalsati in modo da adagiarsi sul pen-dio, collegati da una scala che nel suo svolgersi offre alla vista momenti dif-ferenti dell’ intorno. Grande attenzione e ricerca poi è stata rivolta ai materi-ali che rivestono l’ edificio e che si differenziano nel legno e nel granito scuro in funzione del corpo che rivestono: granito per le parti a diretto con-tatto con il terreno e realizzate in cemento armato, legno per i corpi sop-rastanti realizzati con la tecnologia della prefabbricazione in legno. I medesi-mi materiali concorrono a definire anche gli spazi interni, come a sottolinea-re la completa fusione tra interno ed esterno dell’ edificio. Oltre alla complessità compositiva dei volumi, il progetto presenta anche una grande complessità tecnologica. Sfruttando l’ esposizione a sud ed il pieno soleggiamento invernale, collettori solari e grandi aperture vetrate debitamente schermate in estate dagli aggetti dei volumi, sono in grado di concorrere con il collettore geotermico e la ventilazione forzata a recupero di calore, al fabbisogno energetico dell’ intero edificio.

Premiazioni: PREMIO EQUIVIVERE_Cittadella 2010

più progetti
www.teamblau.com